Graziella nel Mondo

I prodotti Graziella sono distribuiti sul territorio italiano e a livello internazionale. Osserva la diffusione di Graziella nel mondo.

Graziella nel mondo Dove trovi i nostri prodotti

Filiera del peperone

Filiera del peperoneIl peperone è coltivato, nelle aree mediterranee, come pianta annuale. I suoi frutti sono ricchissimi di vitamine e si prestano bene alla preparazione di una grande varietà di ricette. Il peperone teme particolarmente il freddo, ragion per cui la filiera ha luogo in territori dal clima mite.

Per coltivare i suoi peperoni, Graziella ha scelto i terreni campani, fertili e di facile scolo. I terreni sono preparati intorno al mese di gennaio con un’aratura profonda di circa 40 cm, per essere poi affinati con un susseguirsi di tecniche delicate quali l’estirpatura.

Nel rispetto di una crescita naturale, Graziella procede alla concimazione minerale. Il fabbisogno di elementi nutritivi è stabilito in funzione delle caratteristiche del terreno nel periodo che precede ogni coltura. Per una fioritura ottimale, le piante sono nutrite con azoto e fosforo, mentre il potassio fornisce una efficace protezione dai parassiti in modo da non dover ricorrere a fitofarmaci.

La Semina

semina-peperoneAl fine di proteggere i frutti da un clima freddo che ne ostacolerebbe la crescita, la semina avviene nel mese di febbraio, in cassone riscaldato. I semi sono distribuiti in file semplici e binate, lasciando sufficiente spazio tra le file, per facilitare il passaggio dell’acqua. Il metodo di irrigazione usato da Graziella per i suoi peperoni è quello a goccia, che favorisce un’equa distribuzione dell’acqua e previene l’allagamento dei terreni: le piantine, infatti, necessitano di un costante ma leggero apporto idrico. Quando le piantine avranno raggiunto i 50 giorni di vita, si procede alla loro messa a dimora.

La Coltura

coltura-peperoneLa coltura dei peperoni è effettuata prestando attenzione a sostenere le condizioni termiche ideali per la crescita delle piante. Per favorire la formazione dei fiori e l’allegazione delle piante, la temperatura ottimale si aggira intorno ai 21-28°C di giorno e ai 15-18°C di notte.

La messa a dimora avviene a primavera inoltrata, tra la fine di aprile e l’inizio di maggio. Le piantine sono poste in solchi profondi. Quando la temperatura del terreno si sarà stabilizzata intorno ai 13-15°C, inizia la procedura di trapianto tramite ripicchettatura, sempre in vivaio, in cassone riscaldato.

Nel periodo estivo, con il forte innalzamento delle temperature, è necessaria una particolare cura nel garantire la continua irrigazione delle piante e l’arieggiamento dei vivai. Nei vivai di Graziella, è preferita la coltura in tunnel forati che possano facilitare il ricambio d’aria.

La Raccolta e la Produzione

raccolta peperoneLa raccolta scalare dei frutti avviene in piena estate, all’inizio del mese di agosto, per concludersi alla fine di ottobre. Gli addetti alla raccolta controllano che i peperoni Graziella abbiano giunto il giusto grado di maturazione, che assicuri la qualità ed il sapore inconfondibile del prodotto finito. Al termine di ogni raccolta, il terreno è di nuovo irrigato e lasciato prosciugare in superficie, in attesa della successiva raccolta. Le irrigazioni si alternano opportunamente con sarchiature (lavorazioni dello strato superficiale del terreno) in modo da distruggere le erbe infestanti e favorire la circolazione dell’aria.

I peperoni raccolti sono posti con delicatezza nei loro appositi maxi bins, per non intaccare la forma dei frutti. Giunti nello stabilimento, i frutti migliori sono selezionati, lavati e privati dei semi. Graziella usa solo legna scelta affinché l’arrostitura conferisca ai peperoni l’esclusivo aroma. Arrostiti e tagliati, i peperoni sono racchiusi in vetro con il loro liquido e la sola aggiunta di acqua e sale.

Confindustria, Federazione Italiana Cuochi, Anicav